archive-com.com » COM » B » BRICOLIAMO.COM

Total: 594

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • L’ALLUMINIO, UN MATERIALE DOCILE | Bricoliamo
    si adattano alle più diverse esigenze Gli stessi profili sono in versione anodizzata o lucida La differenza di prezzo tra le due soluzioni è minima ma mentre il grezzo si ricopre in superficie di una patina grigiastra dovuta all ossidazione e quindi deve essere periodicamente pulito l alluminio anodizzato mantiene inalterato nel tempo il suo aspetto brillante piacevole a vedersi e inattaccabile dagli agenti atmosferici L alluminio non è un materiale durissimo e in spessori limitati si presta facilmente alla torsione ma questo più che uno svantaggio è un pregio che aumenta la sua possibilità di essere lavorato Per le strutture soggette a carichi pesanti o facili a deformarsi è bene usare una lega più forte il duralluminio Anche la lamiera si trova in tipi e spessori diversi grezza anodizzata color oro o bronzo lucida o satinata I formati sono in genere di 2 x 2 metri o 1 x 1 e vengono venduti a peso Esiste poi la lamiera forata che riproduce diversi disegni e serve per i copritermosifoni le antine degli armadietti e altre situazioni in cui si intende introdurre un decoro Nella foto un orologio in alluminio di MULTIMECC ITALIA Rotta di navigazione LAVORARE L ALLUMINIO PREGI E DIFETTI DELL ACCIAIO COME PULIRE E LUCIDARE IL RAME COME PULIRE E LUCIDARE L OTTONE Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici Condividilo Tweet Torna all elenco degli articoli Ricerca articoli Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide tutorial prove e consigli su giardinaggio e fai da te Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve Iscrivi alla newsletter Archivio articoli Ti potrebbe interessare anche Pennello in setole naturali o sintetiche La scelta del pennello giusto è fondamentale per garantirsi un buon risultato quali tipo di setole scegliere Le

    Original URL path: http://www.bricoliamo.com/bricolage/l-alluminio-un-materiale-docile/ (2016-02-13)
    Open archived version from archive


  • LA PLASTICA PER IL BRICOLAGE | Bricoliamo
    pergolati e verande STIROLOACRILONITRILE SAN E un materiale caratterizzato dall elevata trasparenza e una buona durezza superficiale è resistente al calore e ai solventi organici specie oli e carburanti e ai raggi UV Ne esiste anche una tipologia rinforzatata con fibre di vetro atossica trasparente resistente alla luce Il SAN viene usato nella produzione di piatti posate e bicchieri di carta per usa e getta Tipica applicazione è quella degli oblò delle lavatrici Con questo materiale si producono anche contenitori spazzole pomelli per radio e TV parti per frigoriferi barattoli lampadari strumenti scientifici ed applicazioni navali Nel bricolage lo usiamo spesso per la vetratura di porte di serre e per la costruzione di pareti divisorie POLIVINILCLORURO PVC Il PVC insieme al polistirolo è probabilmente il polimero plastico più famoso Esistono due tipologie di PVC quello flessibile PVC P che è un materiale morbido ottenuto combinando il polimero con un liquido plastificante e quello rigido PVC U cioè un materiale non plastificato che si presenta rigido e duro Il PVC ha buona resistenza meccanica e chimica scarsa infiammabilità buon isolamento elettrico e buona trasparenza É un polimero con scarsa permeabilità all acqua e ai gas per questo è il più diffuso nelle applicazioni biomediche fiale sacche per drenaggi cateteri ecc e nel settore dell edilizia tapparelle pavimentazioni tubi Il PVC è largamente diffuso per la produzione di svariati manufatti in diversi settori da quello edile a quello agricolo film elettrico guaine per cavi elettrici chimico contenitori e rivestimenti anticorrosivi automobilistico componenti e accessori e dell abbigliamento finta pelle e fibre tessili Nel bricolage lo possiamo trovare su bobine da cui ritagliare la dimensione desiderata e può essere utilizzato per gli usi più disparati tra cui la protezione di parti curve o la protezione di finestre e serramenti Oppure in pannelli colorati morbidi al taglio facili da lavorare e quindi utilizzabili facilmente per molti lavori di decorazione tra cui pannellature di diverso genere POLIPROPILENE PP Il polipropilene è un polimero estremamente versatile facile da lavorare e a seconda del processo produttivo può essere flessibile o rigido trasparente o opaco Generalmente ha una buona resistenza al calore fino a 120 C e un ottima stabilità dimensionale e se trattato con cariche speciali può diventare resistente alla fiamma e ai raggi UV E estremamente leggero nella sua versione alveolare è lavabile e tendenzialmente economico Il polipropilene viene solitamente impiegato nella produzione di vari manufatti come contenitori per alimenti e stoviglie flaconi per detersivi e prodotti per l igiene personale moquette arredi o mobili da giardino inoltre è molto usato nel settore medico per la produzione di siringhe monouso e in quello degli elettrodomestici Nel bricolage lo possiamo trovare in lastra piana per piccoli lavori decorativi come tovagliette e pannelli antigraffio oppure in lastra alveolare per realizzare rivestimenti lavabili cartelli e pannelli di protezione POLISTIRENE o POLISTIROLO PS Non presenta cristallinità e la sua elevata fluidità lo rende estremamente lavorabile taglio piegatura foratura ecc quindi particolarmente adatto al bricolage Ha una buona resistenza alle sollecitazioni

    Original URL path: http://www.bricoliamo.com/bricolage/la-plastica-per-il-bricolage/ (2016-02-13)
    Open archived version from archive

  • PREGI E DIFETTI DELL’ACCIAIO | Bricoliamo
    anche al 35 Il pregio più importante dell acciaio inossidabile riguarda la sua durevolezza proprio perché solido e resistente alla corrosione E un materiale molto igienico perché si può lavare con grande facilità anche se si devono seguire alcune precise avvertenze Per pulire una superficie in acciaio inox usate sempre della semplice acqua e sapone oppure detersivo neutro strofinandolo con una spugna sintetica e seguendo il verso della satinatura Dopo l insaponatura risciacquate con cura con abbondante acqua e asciugate la superficie con un panno morbido meglio se in microfibra Asciugare l acciaio dopo averlo lavato è sempre molto importante perché altrimenti con il tempo potrebbe scolorire e chiazzarsi Non lasciatelo mai a contatto per lungo tempo con sostanze come il succo di limone l acqua salata o l aceto Attenzione Non usate mai detersivi che contengono cloro o suoi composti e non usate mai pagliette metalliche sostanze abrasive e detersivi in polvere L eventuale formazione di macchie causate da un acqua con un forte contenuto di calcare devono essere eliminate usando i prodotti specifici per l acciaio inox seguendo le indicazioni riportate sulla confezione Se siamo invece in presenza di macchie di calcare o di altro particolarmente ostinate usate dell aceto bianco bollente oppure dell alcool denaturato strofinandolo con un panno morbido Per quanto riguarda in particolare l acquisto di una pentola in acciaio è bene sapere che questo materiale non è un buon conduttore di calore distribuendolo in maniera non uniforme La soluzione è quella di aumentare lo spessore della pentola rendendola però troppo pesante e poco maneggevole Per questo motivo molti produttori dotano le loro linee di maggior pregio di un fondo costituito da strati di acciaio ed altri materiali che conducono meglio il calore Naturalmente cambia il costo Nella foto la linea Gran Cuisine della Pinti

    Original URL path: http://www.bricoliamo.com/bricolage/i-materiali/pregi-e-difetti-dell-acciaio/ (2016-02-13)
    Open archived version from archive

  • Storia del cemento, dai romani a Isaac Johnson. Natura e creatività | Bricoliamo
    di cemento vero e proprio bisogna aspettare il 1756 quando l ingegnere John Smeaton trovò un impasto particolarmente resistente all acqua Nel 1796 Joseph Parker perfezionò l impasto di Smeaton aggiungendo polvere d argilla e nel 1813 fu il francese Louis Joseph Vicat a migliorare le proporzioni del materiale argilloso Nel 1822 James Frost completò la ricetta con del materiale calcareo frantumato Bisogna aspettare però il 1824 perché un muratore inglese Joseph Aspdin arrivasse a perfezionare l impasto fino a raggiungere quel livello di qualità e di resistenza tramandato fino ai giorni nostri E da ascrivere alla creatività di Aspdin la scoperta del Cemento Portland così chiamato perché la massa ottenuta assomigliava alla roccia dell isola di Portland Aspdin mescolò studiandone attentamente le proporzioni calcare e argilla che cotti in un forno simile a quello usato per la calce fornirono un legante con caratteristiche superiori agli altri fino ad allora sperimentati Dopo Aspdin altri tecnici apportarono varianti e miglioramenti tra questi il più significativo fu quello di Isaac Johnson che nel 1850 stabilì che il processo di cottura del conglomerato doveva svilupparsi ad alta temperatura per portare la miscela alla vetrificazione Il cemento è quindi frutto di una stretta collaborazione tra la natura fornitrice delle materie prime e la creatività dell uomo che in un secolo di studio è riuscito a trovare quella miscela ideale che oggi chiamiamo cemento Dal punto di vista chimico il cemento è composto da silice ossido di alluminio ossido di ferro e ossido di calcio quattro sostanze che si possono trovare in natura nelle marne da cemento Rotta di navigazione GESSO CEMENTO MALTA COSTRUIRE CON IL VETROMATTONE MATERIALI PIETRE E CONGLOMERATI MATERIALI L ARDESIA Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici Condividilo Tweet Torna all elenco degli articoli Ricerca

    Original URL path: http://www.bricoliamo.com/bricolage/i-materiali/storia-del-cemento/ (2016-02-13)
    Open archived version from archive

  • Il sughero, materiale magico del mediterraneo | Bricoliamo
    quintali in Francia 100 000 ettari per 120 000 quintali e in Tunisia 100 000 ettari per 80 000 quintali Per quanto riguarda invece la lavorazione e la trasformazione del sughero le maggiori industrie si trovano fondamentalmente in Portogallo nelle regioni dell Alentejo e dell Algarve e nel nord della Sardegna distretto industriale di Tempio Pausania nel cuore della Gallura La ricerca scientifica sulle sugherete e sulle applicazioni del sughero è fondamentalmente concentrata presso la Stazione Sperimentale del Sughero di Tempio Pausania certificata FSC La separazione dello strato di sughero dal tronco della quercia è un operazione che la moderna tecnologia non è ancora riuscita a meccanizzare quindi si deve ricorrere ancora oggi agli antichi scorzini particolari accette affilatissime e all esperienza degli scorzatori Dopo l estrazione il sughero deve stagionare nei cortili degli opifici per almeno sei mesi e fino a un massimo di due anni i tempi variano a seconda del clima della zona della qualità e della provenienza del sughero e dalla produzione a cui è finalizzato Al termine della stagionatura si procede alla bollitura delle lastre di sughero ad una temperatura di circa 100 C per circa un ora in particolari vasche rivestite in rame o in acciaio inox E solo tramite la fase della bollitura che si può garantire la perfetta pulizia del sughero da qualsiasi residuo Una volta asciutto il sughero è finalmente pronto per essere utilizzato per la produzione dei tipici prodotti da esso derivati turaccioli piastrelle lastre di varie misure e spessori Giugno 2007 Nella foto un immagine della Sala del Sughero del Museo Etnografico di Aggius Rotta di navigazione COME APPLICARE UN RIVESTIMENTO IN SUGHERO MUSEO ETNOGRAFICO DI AGGIUS LA PLASTICA PER IL BRICOLAGE Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici Condividilo Tweet Torna all

    Original URL path: http://www.bricoliamo.com/bricolage/i-materiali/il-sughero-un-prodotto-mediterraneo/ (2016-02-13)
    Open archived version from archive

  • La colla fai da te con amido, farina o riso. Efficaci e naturali | Bricoliamo
    dal fuoco Nel mio caso ho lasciato addensare un pochino la colla perché dovevo usarla per un lavoro con del cartoncino fosse stata carta velina o carte sottili oppure per fare la carta pesta o lavorazioni tipo l uovo di spago è meglio lasciarla più liquida così sarà più facile che venga assorbita Avendo usato l aceto questa colla può durare in frigorifero anche una settimana dieci giorni Unica pecca è l odore dell aceto piuttosto persistente per ovviare potete una volta raffreddata aggiungere qualche goccia di profumo alimentare come vanillina o arancio oppure qualche goccia essenziale di lavanda COLLA DI FARINA Questa è la colla fai da te più comune usata al posto della vinavil Non fatevi ingannare dal fatto che sia fatta da comune acqua e farina una volta asciutta ha un potere incollante di circa 3 5 kg Occorrente acqua farina di frumento bicchiere ciotola frusta pentolino Come proporzioni io preferisco 1 bicchiere d acqua circa e un quinto di farina In una ciotola stemperate la farina con 2 3 cucchiai d acqua del bicchiere preparato prima cercate di sciogliere bene i grumi Versate l acqua restante nel pentolino e aggiungete a pioggia la farina stemperate e sbattete bene con la frusta Mettete sul fuoco a fiamma medio bassa e senza mai smettere di mescolare o si formeranno grumi fate scaldare bene il composto Una volta caldo ci vorranno 2 3 minuti prendete una bella presa di sale e aggiungetelo al composto Questo è un trucco per far durare un po di più la colla Essendo senza conservanti questa colla ha una durata di due giorni massimo va tenuta in frigo e se la si volesse riutilizzare dopo 2 giorni si dovrà farla ribollire qualche secondo Con l aggiunta del sale la conservazione della colla può arrivare fino a 5 giorni senza problemi Torniamo alla nostra preparazione e portiamo a bollore il tutto sempre continuando a mescolare Abbassiamo la fiamma al minimo e con un cucchiaio saggiamo la consistenza per capire quando è pronta Anche per questa colla non c è una sola possibilità potete farla rapprendere di più lasciandola sul fuoco più a lungo oppure lasciarla più cremosa come nel video Tenete conto che raffreddandosi si addenserà ancora un pochino Se vi risultasse troppo densa potete rimetterla nel pentolino e aggiungere piano piano un pochino d acqua per diluirla un po Questa colla essendo composta da acqua farina e una manciata di sale non crea nessun problema nel caso un bambino si lasciasse andare alla tentazione di assaggiarla COLLA DI RISO Occorrete farina di riso acqua un goccio di antibatterico collutorio va benissimo oppure in farmacia potete trovare la vitamina E in gocce Ottimo conservante naturale usato molto spesso in cosmesi naturale autoprodotta in casa bicchiere pentolino Per la colla di riso le proporzioni sono di circa 1 parte di farina di riso e 3 parti di acqua La farina di riso al contrario delle altre due usate in precedenza è molto più solubile quindi non

    Original URL path: http://www.bricoliamo.com/bricolage/stanza-di-desy/la-colla-fai-da-te/ (2016-02-13)
    Open archived version from archive

  • Come pulire i vasetti di vetro dalla colla delle etichette | Bricoliamo
    grande pazienza e perseveranza con uno di questi metodi si raggiunge il risultato desiderato Esiste però un modo semplice veloce e sicuro che non tutti sanno e che prevede l utilizzo del WD 40 quel liquido multifunzione che di solito usiamo per sbloccare le serrature risolvere i cigolii delle cerniere e quant altro Ebbene abbiamo scoperto che una spruzzata di WD 40 e una bella pulita con uno straccio pulito elimina radicalmente e in pochi secondi anche la colla più tenace dal nostro vasetto di vetro Provare per credere Noi in realtà non abbiamo usato la bomboletta spray di WD 40 per pulire i nostri vasetti di vetro ma la confezione Stiiick una specie di pennarello con la punte intrisa di WD 40 che strofinata sulla colla ha risolto con grande facilità L unica avvertenza riguarda la consistenza oleosa del WD 40 quindi una volta rimossa la colla dovrete lavare il vasetto con un detergente oppure infilarlo nella lavastoviglie prima del suo utilizzo ROTTA DI NAVIGAZIONE WD 40 STICK COME LUCIDARE IL RAME COME PULIRE L OTTONE 2000 MODI D USO PER WD 40 WD 40 LA BOMBOLETTA COMODA LA PORTA CHE CIGOLA LA CERNIERA BLOCCATA Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici Condividilo Tweet Torna all elenco degli articoli Ricerca articoli Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide tutorial prove e consigli su giardinaggio e fai da te Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve Iscrivi alla newsletter Archivio articoli Ti potrebbe interessare anche La lanterna di Halloween Decorazioni fai da te da poter fare con i vostri bambini divertendovi e passando un bel pomeriggio insieme Da progetto a azienda Fattelo I ragazzi di Fattelo proseguono nella loro esperienza nata dalla scatola di una pizza Noi di Bricoliamo

    Original URL path: http://www.bricoliamo.com/bricolage/come-eliminare-la-colla-dai-vasetti-di-vetro/ (2016-02-13)
    Open archived version from archive

  • Quale adesivo o colla scegliere? Come incollare i materiali | Bricoliamo
    VHKC ESC VHKC VHCK ESC 7 NE NE ESC KESC KESC CES ESC KEC KEC ESC 8 NV NV ECK KC KC VHKC ECK VHKC HVC EC 9 NVH NVH CK KC KC VHKC ECK HVC HVCK CE 10 N KN ESC KESC ESC ESC ESC EC EC S LEGENDA I MATERIALI 1 CARTA 2 CARTONE 3 CERAMICA 4 GOMMA 5 LAMINATI 6 LEGNO 7 METALLO 8 SUGHERO 9 TESSUTO 10 VETRO LEGENDA GLI ADESIVI N ADESIVI A BASE DI PRODOTTI NATURALI E VEGETALI V ADESIVI A BASE DI RESINE VINILICHE K ADESIVI A CONTATTO E ADESIVI A BASE DI RESINE EPOSSIDICHE S SIGILLANTI C ADESIVI A BASE DI CIANACRILATI H ADESIVI TERMOFUSIBILI Rotta di navigazione RESTAURO DI UN LIBRO MALCONCIO QUANDO L IMPIALLACCIATURA FA LE BOLLE POSARE IL LINOLEUM SMACCHIARE IL LEGNO LA PLASTICA PER IL BRICOLAGE Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici Condividilo Tweet Torna all elenco degli articoli Ricerca articoli Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide tutorial prove e consigli su giardinaggio e fai da te Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve Iscrivi alla newsletter Archivio articoli Ti potrebbe interessare anche Pennello in setole naturali o sintetiche La scelta del pennello giusto è fondamentale per garantirsi un buon risultato quali tipo di setole scegliere Le batterie al litio Gli utensili con batteria al litio sono leggeri ed estremamente funzionali Potenza garantita niente effetto memoria e auto scarica molto lenta Come riparare la tazza rotta Uno degli inconvenienti più comuni è rappresentato dalla tazza che magari insaponata perché la stiamo lavando ci scivola dalle mani La punta giusta per il trapano Esistono differenti tipi di punte per il trapano che possiamo dividere in tre famiglie le punte da ferro quelle da Le colle a

    Original URL path: http://www.bricoliamo.com/bricolage/il-giusto-adesivo-per-ogni-incollaggio/ (2016-02-13)
    Open archived version from archive



  •